Pagelle Asso Old Boys – CdG Cavaria

Giornata 10 – Provinciale Open serie B – girone 3

Ecco il secondo appuntamento con le pagelle. La scorsa settimana sono state un successo e così abbiamo deciso di riproporle… vediamo di farla diventare un’abitudine. Buona lettura…

 

Greco Mattia voto 6: l’unica cosa che gli era stata chiesta era di non prendere gol ma, ovviamente, l’ha preso. Per il resto si fa trovare sempre pronto. Il fatto che sia arrivato tardi al campo e la strana coincendenza di una scappatina alla Snai fa nascere dubbi nel gruppo. BUFFON

Farano voto 6,5: finalmente la sua voce in campo riesce a guidare bene i suoi compagni e la fase difensiva viene bene anche per merito suo. Il solito vizietto dei primi 5 minuti fa di lui una garanzia, pronti-via sia imbatte in un “uno contro uno” che però vince egregiamente, punizione per gli altri e scampa il quarto giallo stagionale! DOC

Greco Luca voto 6: sbaglia qualche passaggio di troppo però, nel complesso, una partita sufficiente. Può e Deve fare molto di più. Arriva fischiettando, sereno, dopodiché si innervosisce quando gli si fa notare che deve 3,50€ per il ritardo. Seguono polemiche e occhiatacce, cerca di negoziare. PD

“Uccio” Carluccio voto 6,5: lui è una garanzia perché dalla sua fascia non passa nulla e nel secondo tempo riesce a farsi vedere  anche in avanti cercando il gol. Purtroppo, però, le occasioni per discutere “animatamente” con l’avversario scarseggiano. Infine, fortunato, sfrutta l’occasione all’urlo “BRONTOLIO” di un’avversario e lo fa notare all’arbitro. SPIONE

Corradini voto 6,5: parte sempre con qualche difficoltà a trovare la posizione giusta poi si sistema, gestisce bene il pallone a metà e si inserisce ottimamente nell’azione che porta al suo gol. Entra morbido morbido come il Miracle Blade serie 7 “perfetta” sulla marmitta del motorino. CHEF TONY

Bardelli voto 5,5: la prima da titolare non è mai semplice. Commette l’errore di perdere l’uomo sul gol avversario. Alla fine riesce a farsi vedere in mezzo al campo e ad essere propositivo in fase offensiva. Non sfocia nel suo solito slang di Compton. REDENTO

Bonfante voto 7: il capitano non era molto brillante fisicamente ma, per fortuna, 5 tiri 3 gol. Cinicità allo stato puro, che mancava da un po’ di tempo (troppo). Regala anche 2 assist a Corradini e Tomasina. Insomma gli altri non servivano. Rincara la dose di giornata dimostrando, sotto la doccia, che il freddo della domenica mattina non lo tange. PRIMO DELLA CLASSE

Marchina voto 7-: rientra dopo un lungo periodo di stop e fisicamente si fa trovare pronto. Non è al massimo ma svolge bene la fase difensiva al posto di Farano. Dirige una difesa birichina, Marchina-Uccio-Ferrari sono una piacevole sorpresa – Miceli trema. Le urla per spronare i compagni superano i decibel delle urla del Mister al Mancato gol di Tomasina. Con lui la difesa è salda, piuttosto che farsi saltare è pronto a mordere le caviglie. DEMO MORSELLI

Di Pietro voto 6;5: gioca con molta intensità e corre tanto. Verso la fine comanda il centrocampo e trova un gol molto bello sotto l’incrocio. Si conferma Decisivo un’altra volta. L’amicizia con uno degli avversari non lo deconcentra ma lo trasforma in un arma letale. Quando è tranquillo è sempre un piacere vederlo, peccato che sia un evento raro. CILIEGINA

Tomasina voto 6-: parecchi appoggi sbagliati ma tanto sacrificio per recuperare gli errori fatti. Ogni palla persa viene rincorsa con ferocia e, in modi più o meno cristiani, recuperata. Nonostante il solito e quasi immancabile gol, le aspettive per il colpo di mercato 2017 sono più elevate. RAPACE

Ferrari voto 6: la sua grande generosità e corsa fa si che giochi bene anche fuori ruolo da terzino. Difende e attacca allo stesso modo sfiorando il gol. Tenta un tunnel così goloso da far diventare diabetico qualunque attento spettatore, per fortuna non riesce e il pubblico può rincasare in salute. Sorride e rientra in posizione. CAFÙ

Borroni voto 6: entra nel giorno del suo compleanno e ci mette anima e cuore. Sfiora il gol con un tiro da fermo di mancino che esce appena appena dallo specchio. Gli manca ancora un po’ la confidenza con il campo, ma si allena benissimo. PRECOCE

Calderoni voto 7: entra nei minuti finali ma è protagonista della miglior parata del match. Arresta un tiro diretto sotto l’incrocio lanciandosi come non aveva mai fatto prima. Come il falco sul topolino. Si conferma il portiere ancora imbattuto della squadra, sia in campionato che in coppa. SUPERCALDE

 

Triade Mister Bonfante – Vice Mirco – Dirigente Renato voto 7:

L’allenatore in assenza del suo beniamino (Mic) sta li buono buono punzecchiando il suo secondo. Non si fa mancare la classica “sfuriata di incitamento” che gli fa scaricare la tensione meglio di una “scannata” in moto su un passo alpino chiuso alle macchine. FIDUCIOSO

Il vice chiede di stare tranquillo e subito la squadra lo accontenta. Quasi annoiato decide di mischiare i ruoli e godersi un po’ di brividi, i ragazzi lo sorprendono. FUNAMBOLO

Il dirigente torna in campo in qualità di tesserato più esperto del Cavaria. Berretto, giubottino e bandierina, confermandosi come miglior assistente dell’arbitro. VAR

 

WAGS voto 9: il freddo mattutino non le ferma. Occhiali da sole, sorriso smagliante e cappotto di orso sono il contorno di queste magnifiche ragazze che vengono a tifarci e sostenerci. Tutto in cambio di qualche bicchiere di prosecco. IMPRENDITRICI