Pagelle CdG Cavaria – Robur San Giulio

Giornata 13 – Provinciale Open serie B – girone 3

Mattia Greco voto 6: inizio di partita che fa preoccupare tutti, compagni, allenatore, Wags e Suor Patty. Esordisce subito con due belle uscite a farfalla. Osservandolo bene all’arrivo al campo, sembrava ancora bendato dalla mascherina copri-occhi che gli assicurava il buio totale durante la consueta pennichella. Riacquista la vista grazie ad un colloquio di Suor Patty con il Divino. Compie allora 2 prodigi, uno dei due è una meravigliosa parata sotto il sette. GIOVANNI (9, 1-41) GESU’ GUARISCE IL CIECO

Marchina voto 6.5: manca il compagno di reparto, Farano, e il suo compito è quello di prendere in mano la difesa e guidarla. Riesce benissimo nel compito di aiutare nei momenti difensivi più difficili. A fine primo tempo sparisce mentre i compagni sono a colloquio con l’allenatore. Riappare in campo al fischio di inizio del secondo tempo. Voci dicono che sia andato, in preda alla foga del comando, a fare un giro con il “controllo del vicinato”. Rientra e non sapendo cosa fare in un momento di tranquillità decide, in sequenza, di : urlare, strillare e infine fare un eurogoal. Peccato che abbia scelto la porta sbagliata. TRANSAGONISTICA

Luca Greco voto 6+: questa partita conferma che gioca meglio da centrale piuttosto che da terzino. Trova un goal fortunoso, ma cercato. Si distrae un po’ troppo ed è li che commette delle sbavature. Compie egregiamente il compito assegnatogli dall’allenatore: “…Luca, se il tuo uomo va in bagno lo segui anche li…”. A fine partita lo troviamo nella doccia ancora dietro al SUO attaccante, lo shampoo però non glielo presta. Tenta l’anticipo quando al malcapitato scivola la saponetta. STACANOVISTA

Miceli voto 6+: come sempre generoso. Corre sulla fascia per tutta la partita, tant’è vero che inizia a lasciare i solchi come se ci si dovessero posare dei binari. Avanti e indietro, avanti e indietro sembra non si stanchi mai. Si scopre ben presto che in settimana ci sarà una perizia per valutare di far passare il treno ad alta velocità proprio su quella fascia. Scoperto ma non remissivo, confessa che gioca a pallone per un piano più ampio. Giocare per il CdG è solo un pretesto, lo si capisce quando sventola fiero il contratto a tempo indeterminato di Ferrovie dello Stato. Durante l’ultima azione della partita viene steso in area di rigore da un avversario, l’arbitro non fischia. Probabilmente il direttore e l’avversario sono due manifestanti NO TAV. Borbotta e rientra perchè oltre al fallo non fischiato gli mancano anche gli straordinari in busta. STATALE SFRUTTATO

Di Pietro voto 6.5: prima partita da Capitano date le assenze dell’eletto e del Vice. Segna su punizione un delizioso 2 a 0 per i GIALLO-BLU da lui capitanati. Cerca di farsi ascoltare in campo ma non sempre ci riesce. Soprattutto quando decide di voler giocare, durante il tempo regolamentare, a STREGA COMANDA COLOR. All’ urlo: …Strega comanda colooooor…ROSSO CARMINIO la squadra va in panico non trovando il rosso della giusta cromatura. Svela sagacemente le proprie mutandine in campo, facendo notare che il giusto rosso lui lo ha. E se si vuole vincere bisogna…. BELLO MA MONELLO

Uccio voto 6.5: finalmente torna a giocare ai suoi livelli. A centrocampo  un mostro in marcatura e ripartenze veloci, ma deve portare i piedi in carrozzeria per la convergenza. Quando tocca a lui impostare il gioco le mamme coprono gli occhi ai bambini. Gli esce un assist al bacio per Tomasina. Probabilmente il campo martoriato e i suoi piedi comunisti (falce e martello) sono il risultato di quel mistico risultato tra meno x meno uguale più. Successivamente, viene schierato in difesa dove svolge un lavoro certosino, pulito e diligente. Non trascura  la parte di lui che sindacalizza tutto, anche sfrontatamente. COMPAGNO (S)PUTIN

Tomasina voto 6.5: segna una doppietta, ma l’attaccante Cavariese non è brillante come in altre occasioni. Sembra appesantito e non trova mai lo spunto giusto. Probabilmente il giovedì sera a far festa con Adriano, Arnautovic e Maicon non finiscono semplicemente ballando latino americano. Tenta di emulare qualche spunto dell’imperatore Milanese, se non fosse che l’ex numero 10 brasiliano dell’inter era ubriaco da far schifo nel momento del training. Tomasina dimostra però di essere una spugna, oltre che al bar, nell’apprendimento delle movenze sinuose sud-americane. Forse il campo pesante non era il giusto terreno per mettere in pratica quel misto di latino-caraibico e doppi passi “brillanti”. E’ comunque imprendibile per i difensori avversari. CARNEVALE DI RIO

Corradini voto 6: entra in fascia in un ruolo propriamente non suo, ma si mette a disposizione della squadra. Difende e si sacrifica nel momento del bisogno, parte in contropiede saltando l’uomo con classe più che con velocità. Poteva segnare su punizione in più casi. Quando bagna la palla col San Crispino prima di una punizione è sempre rete. Peccato che quella bontà era finita e ha dovuto ripiegare su vin santo a disposizione in oratorio. La stanchezza settimanale e i mille impegni di lavoro lo hanno condizionato. I vizietti per reggere lo stress lavorativo settimanale li ha usati nel post partita, tutti per se. VIZIOSO

Panchina voto 10: come al solito i ragazzi che rimangono a guardare la partita sono quelli più stanchi a causa dei macigni emotivi. Capiscono la loro importanza nel sostenere i colleghi anche con frasi così motivazionali che si è vista la montagna andare verso maometto. Vorremmo fare un grosso plauso a SuperCalde che sapendo il suo ruolo, il 2° portiere, non manca mai nè un’allenamento nè una partita. Un’altro plauso speciale va a Paolo, il toro, perchè oltre al grande impegno che sta dimostrando in campo lo dimostra anche nelle continue migliorie alla struttura sportiva. Stare in panchina non è mai semplice, neppure bello e crediamo che vadano premiati TUTTI i ragazzi, soprattutto a chi capita di stare seduto di più. Un elogio per la grinta, la voglia e la passione che dimostrano di avere per questo sport, per questa comunità e per i propri compagni. Ma la cosa più importante è la dimostrazione di quanto ogni singolo ragazzo che siede in panchina crede nel proprio valore. Solo così, grazie a persone così, si crea questo agglomerato di diverse personalità….così diverse ma così unite.

GRAZIE RAGAZZI!!!!

 

Triade Mister Bonfante – Vice Mirco – Dirigente Renato voto 6+:
Tutti e tre sanno che la vittoria di questa partita potrebbe confermare o ribaltare il risultato , come direbbe il buon Alessandro Borghese, della stagione. La partita bene o male viene portata a casa e i problemi cardiaci, anche per questo sabato, vengono rimandati alla settimana successiva.
Mister Claudio, che come ogni partita giggioneggia con pezzettino di plastica tra le dita e che al termine della gara diventa lungo come un TOBOGA di Aqualand.
Mirco, che ogni sabato tenta di diventare afono per puntare ad una carriera in TV come il buon vecchio BAFFO.
Renato, che avendo le tasche piene ma non potendo mangiare caramelle tenta di vedere cosa succede facendo ingozzare poveri passanti con caramelle così dolci da far svenire lo stesso ERNST KNAM.

Casola voto 7.5: il signor Casola per questa partita viene impiegato come guardalinee, come il solito mette impegno e diligenza in ogni compito che gli viene assegnato. Prima del fischio di inizio l’arbitro si avvicina a dialogo con il suo assistente, ambedue mettono la mano davanti alla bocca durante la chiacchierata. Non si sa esattamente cosa si siano detti, si sa solo che l’arbitro a fine del match si fida cosi tanto che chiede al buon Casola se martedì può andare lui a prendergli la figlia al doposcuola! AFFIDABILE

TIFOSERIA GIALLOBLU voto 9: un voto in più rispetto alla settimana precedente perchè, nonostante il freddo, eravate di più….e non pochi di più!

WAGS voto 10:  le ragazze dei giocatori hanno coraggio da vendere. Sempre più decimate non mollano a seguire quei disgraziati dei loro morosi in ogni partita del campionato. Decidono quindi di incominciare a scrivere un romanzo che tratta del nesso che collega il triangolo Amore-Sport-Passione.
Giungono alla conclusione di scrivere un libro autobiografico, che tratta sempre un tema attuale per loro e i loro pomeriggi polari: Aperol-Spritz-ProseccoEROINE

 

FORZA CAVARIA!!!

#CUOREGIALLOBLU

 

VI RICORDIAMO CHE QUESTO SABATO, 10/03/2018, C’E’ LO SCONTRO TRA LE PRIME 2 SQUADRE IN CLASSIFICA:

  • h 17:00 c/o Oratorio di Cavaria
    CDG CAVARIA – Omc 2000